Black Crows e lo skialp che ci piace

Ogni negozio sceglie una fascia di mercato su concentrarsi in base alla propria visione dello sport e al proprio retaggio culturale.
Noi di Ercole abbiamo deciso di avvicinarci a uno stile di scialpinismo meno vincolato alla prestazione sportiva e alle gare, e più attento all’etica e alla cultura outdoor, e al rapporto con l’ambiente.
Per questo motivo i nostri store manager hanno selezionato per voi una gamma di sci più vicini al mondo del backcountry e del freeride. Tra i diversi brand che teniamo in negozio, oggi abbiamo deciso di parlarvi di Black Crows.

Bruno Compagnet
Bruno Compagnet

Black Crows venne fondata nel 2005 a Chamonix da Camille Jaccoux e Bruno Compagnet. I due avevano un’idea molto semplice: «volevamo creare un marchio di sci per tutti. Per mia mamma. Per tutti. Non volevamo assolutamente creare uno sci che ci rinchiudesse in un’unica categoria. Non solo gare. Non solo grandi montagne. Con questi sci puoi fare qualunque cosa».
I due proposero l’idea all’industriale Christophe Villemin, e così nel 2006 lanciarono il primo modello, Corvus. Oggi il brand ha un successo mondiale e i suoi sci spopolano nel backcountry e nel mondo del freeride.

Probabilmente avrete presente il logo e l’aspetto inconfondibile dei loro monocolore. Ma i Black Crows non sono solo di moda, sono anche dei super sci. Vediamo perché.

  1. «Volevamo creare un marchio di sci per tutti…»

Villemin la spara alta, ma in effetti il marchio francese offre una gamma di sci molto ampia, con sciancrature e pesi diversi, adatti alle esigenze di ogni sciatore. In negozio ne teniamo una selezione ampissima, passate a vederli. Questo significa che sono in grado di soddisfare sia chi ama le curve strette sia chi non vuole fronzoli quando si tratta di peso e prestazioni. Freeride, backcountry, sci ripido, persino sci alpino.

  1. Affidabilità

Se c’è una cosa che rende i Black Crows unici è che fanno esattamente quello per cui li avete scelti: una volta trovata la soluzione più adatta a voi, che sia salita o discesa, risponderanno perfettamente. Hanno solette spesse, lamine spesse il che gli offre resistenza, durabilità e grande affidabilità. Insomma, sono sci da montagna.

  1. Non è solo una questione di spessori

È vero, Black Crows non è un marchio della grande distribuzione, e proprio per questo può permettersi ancora di più di adottare soluzioni innovative e di investire nella ricerca e nell’originalità. Infine, non smetteremo mai di ripeterlo, di un prodotto non contano soltanto le caratteristiche tecniche, ma conta anche la poesia che un brand è in grado di trasmettervi. È questo che intendiamo quando parliamo di cultura outdoor: quello che cerchiamo in un marchio, prima di sceglierlo, sia come negozio che come persone, è la filosofia. E in Black Crows l’abbiamo trovata.

Sci Black Crows
Sci Black Crows

Se volete saperne di più venite a fare una chiacchierata in reparto. Per vedere o modelli in vendita anche da casa visita il SITO ma approfitta delle competenze dei nostri collaboratori e confrontati con loro.

Prova attrezzatura sci alpinismo 2019

La consueta prova attrezzatura sci alpinismo 2019 Ercole dell’8 dicembre è stata una festa ed è stato fantastico viverla in tanti.

Locandina prova
La locandina della prova

La giornata è iniziata alle prime luci dell’alba rendendola un po’ speciale, il cielo completamente libero da nuvole ha donato al personale del reparto sportivo la carica giusta per affrontare l’intensa giornata.

L’organico si è completato in fretta con gli agenti preposti all’assistenza presso i loro punti prova quali Simone Barberi per Black Crows e Plum, Piero Berbenni per Scott e Filippo Zanin e Suhan De Vei per Scarpa, completavano l’area prove Elan e ATK gestiti e presentati dal personale del negozio.
Molta attrezzatura da provare, con differenti caratteristiche, sempre in continuo movimento!

Più di 50 partecipanti, alcuni non si erano iscritti ma sono stati accettati con entusiasmo, per fortuna Ester aveva previsto questa possibilità e si era già fatta preparare qualche skipass in più che è stato puntualmente sfruttato.

Gli agenti si sono ritenuti molto soddisfatti di questa prova attrezzatura sci alpinismo osservando che a differenza degli altri test a cui hanno preso parte, in questo caso non si sono limitati alla regolazione dell’attrezzatura ma hanno avuto l’opportunità di confrontarsi con il pubblico spiegando al meglio le caratteristiche dei prodotti in prova.

borsaDurante il test un barbecue Outdoorchef insaporiva l’aria con l’invitante profumo di salsicce per gli ospiti, ulteriore motivo di confronto ma anche opportunità per riposarsi o attendere il prossimo sci da provare.
A fine giornata è stata anche apprezzata la borsa porta scarponi offerta da Ercole ad ogni partecipante.

Neve perfetta, tempo ottimale, fantastica compagnia, personale qualificato e partecipanti molti interessati, cosa possiamo pretendere di più?
Piuttosto ci auguriamo che queste ore siano state utili per focalizzare l’attrezzatura più adatta alle singole esigenze.