Le Spin Infinity e i nuovi modelli Scarpa per il trail running

Con l’arrivo di Marco De Gasperi, nel 2021 Scarpa ha proposto un ampliamento del suo catalogo di scarpe da trail running, allargandone anche il bacino di utenza. I suoi modelli storici, infatti, pur essendo super performanti e di ottima fattura, richiedevano al corridore delle buone caratteristiche biomeccaniche che fanno di queste scarpe dei modelli abbastanza esclusivi e adatti a pochi. Con l’uscita sul mercato dei nuovi modelli Golden Gate, Ribelle Run e Spin Infinity, invece, l’azienda di Montebelluna è riuscita a creare delle scarpe altrettanto performanti ma adatte anche ai corridori meno veloci e che necessitano di più protezione.

Marco De Gasperi

In questo articolo vi parleremo più specificatamente delle nuove Spin Infinity.

Nate originariamente come scarpe da corse brevi e tecniche, le prime Spin hanno dimostrato il loro valore anche nelle gare lunghe e corribili dei sentieri americani, ai piedi di atleti come Joe Grant, che ne hanno ampliato la versatilità. Essendo comunque una scarpa piuttosto secca e minimalista, Scarpa negli anni ha sviluppato i due modelli RS e Ultra, pensati per offrire maggiore protezione al piede, senza perdere però la logica con cui nasceva la Spin originale: sensibilità, velocità, leggerezza.
Con le nuove Spin Infinity, sviluppate insieme alla new entry in azienda Marco De Gasperi, Scarpa ha provato a mantenere queste caratteristiche, mantenendo una suola super aggressiva in Mega Grip, ma aumentando la capacità di ammortizzazione e di protezione di un pacco intersuola totalmente ripensato, grazie a un’accoppiata di mescole di diversa densità, che uniscono reattività a protezione e ammortizzazione.
Un’altra caratteristica che apre alle Infinity le porte alle lunghe distanze è un ampliamento dello spazio per le dita sull’avampiede, che le rende ancora più comode, e permette al piede di lavorare correttamente.
Nonostante questo, le Spin restano una scarpa estremamente tecnica e adatta ai terreni più impervi dell’arco alpino e per le gare dolomitiche: ve le consigliamo per gare dure come la Dolomiti Extreme Trail o gare di media distanza come la Cortina Trail. Per arrivare poi fino alle gare lunghe e tecniche di fine estate come la TDS del circuito UTMB o il TOR130.

Filippo ci scrive: «Dovevo correre Translagorai Classic dopo due settimane e avevo finito tutte le scarpe da corsa. Non è mai una buona idea correre un’ultra con un paio di scarpe che non hai mai provato, ma non avendo alternative ho dovuto optare per le Spin Infinity. Le ho testate per la prima volta in una gara breve a Courmayeur una settimana prima della Translagorai e ho avuto subito un buon feeling, così sono arrivato alla partenza di Translagorai più rilassato. E in effetti non ho avuto nessun problema con le scarpe, anzi, mi sono trovato davvero bene, sebbene il terreno sia davvero molto duro e si debba stare sulle gambe tantissime ore a velocità davvero basse.»

Insomma, se cercate una scarpa adatta a terreni più corribili, e a sentieri polverosi, forse le Golden Gate sono il modello che fa più al caso vostro, in cui Scarpa ha aumentato più che in ogni altro suo modello la capacità di protezione dell’intersuola adatta alle gare più lunghe e corribili, a scapito di un’aggressività che nelle Spin resta ineguagliata.

Se avete domande passate in negozio e chiedete ai nostri esperti. Ci vediamo sui sentieri.