Ercole Neonato a Children and Family

Children and Family è una manifestazione che si svolge presso i padiglioni della Fiera di Vicenza a fine ottobre.

Già dalla prima edizione, 6 anni fa, Marianna e Teresa, le responsabili del reparto neonato l’hanno trovata molto interessante.
Children and Family, pensato per intrattenere tutta la famiglia è molto invitante grazie all’intero padiglione dedicato alle attrazioni più trasversali per piccini e ragazzi senza dimenticare mamma e papà.
La proposta si completa però con la sezione dedicata al commerciale, Ercole Neonato partecipa a Children and Family con una vasta esposizione suddivisa in zone ben delimitate dove ospita marchi di rilievo come Jané Group, Valco Baby, Cybex, Baby Jogger, Thule, Nomi, Must, Doomoo, Doona e BabyBiörn.

stand

Il grande stand di Ercole Neonato a Children and Family è dedicato alle neo mamme e alle gestanti, propone i migliori prodotti per il passeggio ed il trasporto nel pieno rispetto dei più piccoli e con un occhio di riguardo alla loro sicurezza.
Presso le varie aree dello stand saranno esposti prodotti già in commercio ed alcuni assaggi delle proposte 2020 che le responsabili del reparto hanno avuto modo di apprezzate durante la fiera di Colonia Kind und Jugend 2019 conclusasi da poco.
Confrontandosi con gli esperti dei vari marchi è possibile farsi un’idea molto chiara delle differenze tra i vari prodotti e stabilire quale sia il prodotto più adatto alle singole esigenze.

ragazzeCon i seggiolini auto, necessari fino a circa 12 anni questo stand diventa interessante anche per i genitori di bambini più grandicelli.
Si potranno rivolgere a Marianna e a Teresa per aggiornarsi sulle Norme di Legge che continuamente cambiano, in tema di sicurezza dei bimbi in auto, un tema sempre controverso.

Un’opportunità per i neo genitori che ci vengono a trovare a Children and Family è la possibilità di provare gratuitamente i marsupi messi a disposizione da BabyBiörn.
Inoltre facendo prenotazioni in fiera si godrà di prezzi particolari, l’acquisto verrà poi comodamente concluso in un secondo tempo presso il punto vendita di Dueville (VI).

Il 26 ottobre il reparto neonato del negozio risulterà un po’ sguarnito perché preferiamo mettere tutta la passione e la professionalità di Marianna e Teresa a disposizione dei visitatori ma visti i vantaggi che si possono ottenere prendendo delle decisioni a Children and Family consigliamo tutti si fare un salto in Fiera a Vicenza per poi tornare a trovarci in negozio già dal pomeriggio di lunedì 28 ottobre.

Insomma, il nostro consiglio è di caricare in macchina tutta la famiglia e passare una bella giornata a Children and Family non dimenticandosi di passare a visitare lo stand di Ercole Neonato!

 

La falesia ed il casco

Conosciamo tutti l’importanza del casco in montagna tanto più che il suo utilizzo è diventato un’abitudine consolidata quando si pratica alpinismo e scialpinismo, raramente invece viene utilizzato in falesia perché si ignora un potenziale rischio in questo ambiente.

In realtà anche in falesia ne viene consigliato sempre più spesso l’utilizzo.

Vediamo perché:

  • Alcune falesie consigliano espressamente l’uso del caschetto;
  • L’arrampicata è uno sport pericoloso e anche ai più esperti possono capitare degli incidenti, alcuni di questi potrebbero essere evitati utilizzando il casco che è consigliabile all’assicuratore e allo scalatore;
  • Nelle falesie di recente chiodatura a volte sono presenti zone non del tutto ripulite, in queste palestre la possibilità di caduta massi dall’alto è più elevata;
  • Nelle falesie in ambiente la presenza di animali selvatici o il passaggio di escursionisti sui sentieri soprastanti la falesia potrebbero causare la caduta inaspettata di pietre.
Sirocco
Sirocco
Vapor
Vapor

Per andare incontro alle molteplici esigenze si possono trovare caschi molto leggeri adatti a chi deve indossarli per ore come il casco Sirocco di Petzl che pesa solo 170 grammi o il casco Vapor di Black Diamond che ne pesa 188 oppure si possono scegliere caschi di differente costruzione risultando quindi più adatti per vie ferrate o attività invernali.

Alcuni di questi hanno la doppia certificazione (alpinismo EN12492 e e sci EN1077) e possono essere utilizzati sia per lo scialpinismo che per l’arrampicata, un esempio è il casco Colour 2 di Scott o il casco Speed Comp di Camp che proteggono da urti sulla calotta e laterali.
Speed Comp
Speed Comp
Couloir 2
Couloir 2
È possibile scegliere caschi che possono essere usati in via ferrata come ad esempio Armour di Camp o Half Dome di Black Diamond entrambi in materiale iniettato ad alta resistenza.

Vogliamo mettere l’accento anche sull’importanza della misura del casco. Deve vestire perfettamente e bisogna sentirselo al meglio perché garantisca la massima sicurezza.

Armour
Armour
Half Dome
Half Dome

Sconsigliamo caldamente la condivisione di caschi perché ogni testa è differente, il casco va provato, soprattutto durante il primo acquisto, in un negozio specializzato e di fiducia così che il personale possa essere d’aiuto per indirizzare il cliente verso l’acquisto più indicato.

Il casco diventa un vero e proprio compagno di avventura, capita sovente di condividere il dispiacere di un nostro cliente che deve dismettere il suo vecchio casco così legato ad imprese importanti.

Durante la scelta è bene non farsi influenzare troppo dall’estetica a discapito della vestibilità e dai “sentito dire”, ognuno ha necessità specifiche ed imprescindibili.

falesiaUltimo consiglio: Mantenere sempre il casco pulito e se si desidera personalizzarlo utilizzare solo adesivi o pennarelli indicati dalle aziende produttrici in quanto le colle e i solventi inadatti potrebbero danneggiare irrimediabilmente la calotta del casco compromettendone la sicurezza.

Spunti per indurre alla riflessione i più scettici ne abbiamo dati vari, aggiungendo buoni consigli per il prossimo acquisto, concludiamo dicendo che il fastidio che alle volte procura l’uso del caschetto è nulla rispetto alle gravi conseguenze di un possibile incidente.

Torna il PrimaVera OPEN Ercole

Abbiamo tutti il fiatone, è da gennaio che siamo impegnati ad inventarci qualcosa di nuovo ma che non si discosti dal passato e finalmente il PrimaVera OPEN sta tornando!

Siamo all’undicesima edizione, abbiamo fatto il primo giro di boa e sembra ancora un bambino, forse per la sua connotazione festaiola, chissà.

La versione 2017 però cambia, vogliamo mettere un po’ da parte gli eventi correlati (che erano il nostro cavallo di battaglia) con programmi lunghissimi e soffermarci su quello che forse più di tutto voi amici e clienti cercate quando entrate in un NEGOZIO, le OFFERTE.

In negozio siamo tutti indaffarati perché il PrimaVera OPEN riesca al meglio.
In negozio siamo tutti indaffarati perché il PrimaVera OPEN riesca al meglio.

OK allora quest’anno saranno tante, tutti i giorni… sì perché oltre a quelle permanenti ci siamo inventati un tour di prodotti per ogni settore che restano a prezzo DA PAUUURA per 24 ore, sia in negozio che nel web.

Il tempo di pensarci quindi c’é fino alle 8 della mattina successiva, visto che di solito la notte porta consiglio!

Non mancherà il servizio bar gratuito per tutta la manifestazione e nei fine settimana lo spritzetto per il pre cena e un’area dedicata ai più piccoli, per la gioia dei genitori che potranno distrarsi un po’.

La domenica saremo APERTI ed il profumo delle leccornie sui barbecue delle demo ci farà letteralmente impazzire (ormai è storia antica)!

C’è un’altra sorpresa che bolle in pentola ma “qualcuno” ci vieta di parlarne se non il 23 stesso quindi vi rimandiamo al primo giorni di PrimaVera OPEN per saperne di più.

Al sicuro in auto ancor prima di nascere

jane_safe_01Per le future mamme uno dei primi dubbi è quello di usare o meno la cintura di sicurezza in auto quando inizia a sporgere il pancione, non deve mai succedere  ma in caso di incidente è provato che per mamma e feto sia molto più rischioso non indossarle.
Il segreto quindi è indossarle e  posizionarle correttamente, cioè con la parte orizzontale che passa sotto la pancia e la parte trasversale che passa in mezzo al seno.
A questo scopo sono in commercio adattatori pensati appositamente per proteggere il feto e garantire la sicurezza della mamma in caso di frenata brusca.

 

jane_safe_03Nel caso specifico parliamo della cintura SAFE BELT di Janè che va posizionata sulla seduta, una volta accomodata la mamma dovrà mettere la cintura di sicurezza come di consueto e fissarla poi ai due fermi posti ai lati della SAFE BELT così che la parte orizzontale della cintura resti naturalmente posizionata sotto il pancione. Questa modalità è adatta sia che la mamma indossi la gonna o i pantaloni.
jane_safe_02Inoltre è possibile posizionare i fermi nelle asole centrali per farli passare tra le gambe ed abbassare la cintura di sicurezza al centro della pancia, ovviamente questa modalità è adatta solo se si indossano i pantaloni.
Ecco che mamma e bimbo nel pancione viaggeranno alla massima sicurezza e non dovranno temere nulla.
Sperdiamo una parola anche per l’airbag che nel periodo di gravidanza è bene sia distanziato dal pancione, magari spostando il sedile indietro se la mamma è sul lato passeggero o alzando il più possibile il volante nel caso occupi il posto di guida.

Vai alla scheda prodotto

 

IL CODICE DELLA STRADA:
L’art. 172, comma 8, lett. F, del codice della strada prevede espressamente l’esonero dall’uso delle cinture di sicurezza per le donne in stato di gravidanza sulla base della certificazione rilasciata dal ginecologo curante che comprovi condizioni di rischio particolari conseguenti all’uso delle cinture stesse. Tale certificazione deve essere sempre portata al seguito ed esibita a richiesta degli organi di polizia.
Nei casi contrari, la cintura di sicurezza è obbligatoria per tutti i nove mesi di gestazione.

GRAVITY, coccole e sicurezza in auto

Qualche tempo fa abbiamo parlato del regolamento I-Saze e della sua importanza per la sicurezza dei più piccoli in auto.
Rispolveriamo in breve i 6 punti cardine:
1- Installazione in auto SOLO mediante attacchi ISOFIX ed un sistema anti-rotazione.
2- Classificazione per gruppi di peso.
3- Compatibilità universale per tutte le vetture-SRI con posto I-SIZE.
4- Contro marcia almeno fino ai 15 mesi.
5- Test di omologazione anche per gli impatti laterali.
6- Manichini particolari  per i crash test, più performanti nelle rilevazioni dati.

A tal proposito vogliamo quindi parlare di GRAVITY di Jané che sarà disponibile in negozio e nel nostro e-commerce da settembre.
Questo seggiolino auto permette, con una sola installazione due posizioni, quella contro marcia (da 40-105 cm) sfruttabile approssimativamente fino ai 4 anni e quella fronte marcia (da 105 cm) che permette 4 posizioni di reclinazione, in entrambi i casi è possibile utilizzare il riduttore bebè incluso.
GravityDigital-01Con GRAVITY è possibile ruotare la seduta di 360º in entrambi i sensi senza staccare il seggiolino dall’auto facilitando così il carico e lo scarico  del piccolo.
Il poggiatesta è regolabile ed integrato con le cinture, le posizioni di reclinazione si possono effettuare utilizzando una sola mano.

Presso il reparto NEONATO sarà possibile vederli da settembre per apprezzare, oltre alla tecnologia che li contraddistingue, anche i 4 colori moda.

GravityDigital-02

Fasce o marsupi portabebé?

Se stai per diventare mamma o devi fare un regalo davvero utile pensa al più comodo modo per trasportare il piccolo.
Le fasce ed i marsupi portabebé possono donare praticità a mamma e papà e conforto al bambino che resta a diretto contatto con loro.
Le aziende specializzate sono sempre più attente a proporre modelli innovativi progettati per consentire la massima comodità del piccolo nelle diverse posizioni che deve assumere a seconda del peso e dell’età.
La scelta tra fascia e marsupio è soggettiva, nel primo caso ci vuole un po’ di pratica per posizionarla correttamente ma il contatto col bebè è davvero totale, è consigliata in caso di allattamento al seno perché il neonato resta proprio appoggiato al torace materno e questo favorisce la stimolazione del latte a lo stimolo all’allattamento.
Un altro vantaggio del contatto diretto è il calore e la serenità che il piccolo trae dal genitore, soprattutto se soffre di coliche destinate a diventare molto più tollerabili.
Le fasce vengono sfruttate soprattutto in casa, il piccolo riceve continue attenzioni e la mamma ha le mani libere per poter seguire magari gli altri fratellini.
Il bambino resta sempre girato verso l’adulto ma una volta cresciuto molti modelli di fasce consentono di portarlo sul fianco e lui acquisisce una sua autonomia di movimenti.
I marsupi sono decisamente più pratici ma anche più “meccanici” indossarli è veloce ed il piccolo, prima rivolto verso la mamma, potrà poi essere girato verso il mondo.
Attenzione però a non farlo prima dei 5/6 mesi quando il bambino non ha ancora la schiena sufficientemente forte per sostenere la testa.
Di rilievo i marsupi che propongono una sorta di riduzione per contenere il neonato così da consentirne l’utilizzo già dai 3,2 kg fino ad arrivare ai 15 kg di peso.

Il vantaggio dei marsupi è che sono progettati per scaricare il peso del bambino senza gravare sulla schiena di papà e mamma.
Alcuni modelli permettono di posizionare il piccolo (sempre dopo i 5/6 mesi) sul fianco e addirittura dietro alla schiena, trasportandolo comodamente in tutta sicurezza.

Ecco i modelli che consigliamo.

Bimbi sicuri in auto con i-Size

Parlando di seggiolini auto forse non tutti sanno che dal 2013 è entrata in vigore la nuova normativa i-Saze (UN R129) che tiene conto dell’altezza del bambino e non più del suo peso, per evitare che un piccolo passi troppo presto a un seggiolino più grande.
isofixQuesta normativa si riferisce ai prodotti con tecnologia ISOFIX che dona una stabilità decisamente più alta ai seggiolini in quanto fissati su staffe e non tramite le cinture di sicurezza che troppo spesso sono posizionate in maniera errata.
La normativa i-Size sarà applicata solo ai seggiolini ISOFIX, per gli altri resterà in vigore la precedente, di certo ancora per qualche anno.
Con la normativa i-Size è fatto obbligo di posizionare il seggiolino contro marcia fino a 15 mesi o al raggiungimento dei 75/80 cm di altezza, questo perché è dimostrato che solo dopo i 15 mesi il piccolo sarà in grado di rispondere alla spinta prodotta dall’impatto. Inoltre aumenta sensibilmente il livello di protezione di testa e collo ed in caso di collisioni laterali.
Alcune mamme non amano questo cambiamento perché temono che il viaggio contro senso di marchia induca il piccolo al mal d’auto è invece una leggenda metropolitana, in tale posizione i bambini saranno molto più comodi e protetti.

kiddy-evo-lunaI primi seggiolini iniziano ad essere disponibili ora e garantiscono una compatibilità assoluta con tutti i veicoli dotati di sistema ISOFIX, presso il nostro punto vendita è già possibile toccare con mano il modello Evo-Luna i-Size della Kiddy che consente di far viaggiare il bambino completamente sdraiato, posizione fortemente consigliata per i neonati perché aumenta il comfort e aiuta la respirazione.
Si tratta di un seggiolino davvero compatto che impegna una sola seduta posteriore (e non 2 o 3 come con le navette) in posizione sdraiata del neonato, chiaramente è sempre possibile scegliere a “ovetto”.
Il seggiolino può essere utilizzato dalla nascita fino a 83 cm di altezza che corrispondono a circa 15 mesi altro punto a favore di questo innovativo prodotto.

VISUALIZZA LA SCHEDA PRODOTTO

CHILDREN & FAMILY, un’esperienza spumeggiante!

Sabato 7 e domenica 8 novembre 2015 abbiamo partecipato alla II edizione di CHILDREN & FAMILY (www.childrenandfamily.it), la più grande manifestazione del Veneto dedicata al mondo dei bambini, della famiglia e del tempo libero.

Abbiamo potuto constatare una presenza ancora più intensa rispetto allo scorso anno, con risultati ancora oggi apprezzabili in negozio.

Ci sono ancora persone che non associano il marchio ERCOLE al mondo del neonato ma solo al CAMPEGGIO e questo è davvero riduttivo perché in negozio si trova molto di più. Questa vetrina ha sicuramente permesso al pubblico di conoscere anche il mondo ERCOLE ricolto al neonato.

Impossibile non essere contagiati dall’entusiasmo dei più piccoli con i loro occhioni stupiti, dalle mamme innamorate dei piccoli, della tecnologia che semplifica loro la vita e dai papà tanto amorevoli e pratici.

Lo stand è sempre stato pieno di adulti e piccini, siamo stati apprezzati per le conoscenze tecniche del personale e per la compresenza di informatori specializzati mandati dalle aziende, i quali hanno potuto elevare il livello di informazioni tecniche su passeggini e seggiolini auto puntando come sempre sulla sicurezza.